La necessità di sviluppare reti di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica più efficienti e affidabili e di integrare in esse una sempre maggiore quantità di impianti da fonte rinnovabile è il principale volano per lo sviluppo delle cosiddette Smart Grid. Per Smart Grid (“rete intelligente”) si intende una rete “attiva” provvista di un’infrastruttura in grado di scambiare comandi e segnali, oltre che energia elettrica. Tra le applicazioni più interessanti vi sono le Microgrid, aggregazioni di unità di generazione (da fonte rinnovabile o tradizionale), di consumo e di accumulo di energia elettrica e termica, localizzate in un’area limitata. L’obiettivo della SPM è quello di supervisionare e garantire una gestione efficiente ed economica degli impianti di produzione, ottimizzando al tempo stesso il contributo delle fonti rinnovabili e dei processi di cogenerazione ad alto rendimento, anche con l’obiettivo di minimizzare i consumi elettrici e termici del Campus. La SPM è provvista di un sistema di supervisione della rete elettrica e di quella termica che verifica lo stato di funzionamento di tutti i dispositivi della rete stessa e segnala l’esistenza di anomalie e guasti. E’ inoltre presente un sistema di controllo e ottimizzazione, basato sull’applicazione DEMS (Decentralized Energy Management System) che consente la previsione dei consumi, la pianificazione del funzionamento delle unità di produzione e il controllo in tempo reale dello scambio con la rete, agendo sulle unità di generazione e consumo di energia. La SPM è caratterizzata dai seguenti impianti:
- 3 turbine a gas cogenerative ad alta efficienza (60 kWe, 284 kWth);
- 1 impianto fotovoltaico (95 kWp);
- 3 impianti solari termodinamici (CSP) equipaggiati con motori Stirling (3 kWel, 9 kWth)
- 1 chiller ad assorbimento ad acqua/bromuro di litio;
- 2 sistemi di accumulo elettrico basati su tecnologia Na-NiCl2 e ioni di litio
- 2 stazioni di ricarica per veicoli elettrici.